Mostra dei lavori

30 giugno 2017 a Scafati


A quisque magnis at a magna conse tetur quisque in vestibulum viverra condimentum condimentum a ut elit vivamus quis per purus eu enim.

Progetto FIUME SARNO Rotary

L'impegno dei singoli al servizio della Comunità

i Rotary Club promotori

Scafati - Angri -Realvalle Centenario

Castellammare di Stabia

Nocera Apudmontem

Nocera Inferiore-Sarno

Nola - Pomigliano d'Arco

Poggiomarino - Vesuvio Est

Pompei

Ottaviano

Sorrento

Torre del Greco-Comuni Vesuviani

Progetto 2018

30 maggio 2018

Real Polverificio Borbonico

Presentazione dei lavori

Progetto 2018

30 maggio 2018

Cineteatro San Francesco

Cerimonia di premiazione

Progetto 2018

X Edizione del Progetto

Fiume Sarno Rotary

leggi il bando

Progetto Fiume Sarno Rotary


Il progetto “Fiume Sarno”, iniziato nel 2008 e giunto alla sua X Edizione, coinvolge gli studenti delle scuole secondarie, nonché le loro famiglie e i cittadini che vivono nella Valle del Sarno e lungo le coste del Golfo di Napoli, che continua a subire i flussi negativi dell’inquinamento del Fiume.

Un percorso scientifico, informativo e didattico che è iniziato con la visita da parte degli studenti delle scuole coinvolte alla “Casa del Sarno” presso il Polverificio Borbonico di Scafati e terminerà, con la Mostra dei lavori e la Manifestazione Finale con l’Assegnazione dei Premi riservati ai lavori didattici, scientifici o divulgativi, presentati dalle scuole partecipanti.

“Il progetto desidera mantenere sempre alta l’attenzione su una problematica per la quale sono stati scritti “fiumi” di inchiostro - e che pur avendo avuto l’interessamento di vari Enti Governativi non è ancora giunta alla sua soluzione, ovvero ridonare al Fiume Sarno un habitat disinquinato, in cui flora e fauna, possano nuovamente ristabilire gli equilibri eco sistemici pre-inquinamento”

Al progetto, promosso dal Rotary Distretto 2100, partecipano i club Rotary presenti nel bacino idrografico del Fiume Sarno i quali ognuno sul proprio territorio, offriranno il loro service affinché si risveglino le coscienze e il senso civico delle popolazioni, ormai sopite in una grave rassegnazione, ovvero considerare il Fiume Sarno come un elemento naturale irrecuperabile che non appartiene più al loro quotidiano.

È’ a questo scoramento che il Rotary vuole dedicare il suo impegno per far sì che, attraverso una informazione più puntuale e precisa, si possa sensibilizzare la popolazione e ricreare quel tessuto etico a garanzia di un appropriato rispetto per un Fiume che ha fatto la Storia di un territorio sin dall’antichità e che non merita la sorte che gli è stata inflitta negli ultimi quarant’anni.




Ogni anno alle scuole partecipanti viene consegnato un fotometro per l’analisi delle acque, affinché gli studenti possano procedere concretamente alle analisi nei tratti di fiume loro assegnati oltre che essere parte attiva durante la mostra finale dei lavori di tutte le scuole che saranno esposti, unitamente ai dati finali dell’indagine sulle acque del Sarno, nella mostra aperta al pubblico e a tutte le scuole del Territorio.

Una giuria di Esperti, dopo una attenta valutazione dei lavori, sceglierà quelli meritevoli del podio ed inoltre dalla sua inaugurazione nel 2015, la mostra dei lavori è allestita presso la “Casa del Sarno” nelle sale del Reale Polverificio Borbonico di Scafati, restaurato nel 2010 dalla Sovrintendenza Beni Architettonici ed affidato al Comune di Scafati che ha dichiarato la disponibilità del loro uso per l’allestimento della mostra permanente.

Tale location consente visite guidate da parte delle scolaresche del territorio sia per ammirare il luogo storico (il Polverificio era l’unico del Regno delle due Sicilie) sia per visitare e fruire della mostra dei progetti che aiutano a ricostruire la storia del Sarno e a immaginarne il futuro, ma nel tempo la “Casa del Sarno” diventerà un “osservatorio” del fiume monitorando lo stato dei lavori per la bonifica del Sarno.

“Il progetto ‘Fiume Sarno - dichiara il delegato distrettuale Carla Aramo – deve essere  considerato non solo come un progetto riferito ad una problematica dell’acqua che scorre in un determinato territorio, circoscritto ai comuni che sorgono sulle sue sponde, ma bensì ad un progetto su un problema in senso più globale, riferibile a tutte le problematiche che riguardano le acque interne e di grande impatto sociale”

La Casa del Sarno presso il Real Polverificio


La Casa del Sarno è la sede naturale del Progetto, che entra il gioco nella seconda fase, quando per ciascuna scuola si effettuano visite guidate, attiva dal 2015 e ospitata in due sale del Real Polverificio Borbonico di Scafati dove è allestita la mostra dei lavori prodotti dagli studenti nelle edizioni degli anni precedenti e dove si discute di tematiche ambientali.


Storia

Conclusi i lavori di restauro, durati dieci anni, il 17 novembre 2010 il Complesso Monumentale dell' ex Polverificio Borbonico di Scafati ha aperto le sue porte al pubblico, nel maggio di quest'anno anche i lprincipe Carlo di Borbone ha preso parte alla cerimonia dell'inaugurazione.

Il complesso del Polverificio è accessibile da Via Pasquale Vitiello in direzione opposta all'ingresso che si poneva in via Astolelle. Superato il perimetro murario che divide attualmente gli edifici del Polverificio dall’Istituto del Tabacco troviamo la Cappella di Santa Barbara,  protettrice degli artificieri, sconsacrata e usata nella sua nuova veste come Auditorium e il Laboratorio Chimico, dove si analizzava la polvere prima di passare alla lavorazione nelle officine.


Real Polverificio

Via Pasquale Vitiello, 93 – Scafati  - Tel. 081.857.1610


Il Real Polverificio Borbonico


La Real Polveriera di Scafati nasce da un disegno strategico di Ferdinando II di Borbone inteso a creare uno stabilimento per la produzione della polvere nera atto a sopperire al fabbisogno del Regno delle Due Sicilie. I lavori, preceduti da intensi studi condotti anche all'estero con la finalità di realizzare il processo produttivo secondo i canoni scientifici più avanzati, iniziarono nel 1851 e già nel 1854 il polverificio era entrato a regime. La rettifica del basso corso del Sarno, un'opera di bonifica di considerevole portata intrapresa da Re Ferdinando nel 1855 e conclusa appena due anni dopo ( da allora il fiume fu navigabile nel suo ultimo tratto fino al mare), ebbe come conseguenza un significativo ampliamento territoriale e produttivo della fabbrica – al punto che nel periodo postunitario essa divenne una delle due che rifornivano di polvere nera le intere forze armate italiane.


Visite e Orari

Tutti i giorni inclusi i festivi                                     

dalle 9,30 alle 12,30  > 17,30 alle 18,30

Lunedì chiuso                                                                                         

Informazioni e prenotazioni Tel. 081.8571610

dal martedì al venerdì > dalle 9,30 alle 12,30

Progetto 2018

X Edizione del Progetto

Fiume Sarno Rotary

Convegno 2 marzo Sarno

Progetto 2017

IX Edizione del Progetto

Fiume Sarno Rotary sempre più completa ed interessante

Progetto 2018

Guarda le foto

del Convegno di apertura

Fiume Sarno: Ambiente e salute

Istituti partecipanti

17 Istituti quest'anno hanno preso parte al Progetto Fiume Sarno Rotary

Le città coinvolte nella vita del fiume

Progetto 2018

X Edizione del Progetto

Fiume Sarno Rotary

leggi il bando

Marcia per il fiume Sarno

Dal Polverificio Borbonico al Tempio di San Francesco per sensibilizzare sempre più il territorio

Giugno 2017

New

Giugno 2017

New

Convegno Tempio San Francesco

30 giugno 2017 -a Scafati


A quisque magnis at a magna conse tetur quisque in vestibulum viverra condimentum condimentum a ut elit vivamus quis per purus eu enim.

FIUME SARNO EDIZIONI


Il Progetto Fiume Sarno Rotary è alla sua XI Edizione.

Il progetto ha visto crescere l'entusiasmo e i partecipanti ogni anno, arrivando a coinvolgere migliaia di ragazzi dagli 11 ai 18 anni....

CONTATTA IL TEAM ASSISTANT


Aleliographic

Via M. Alison, 15 84018 Scafati

T.  +39+ 3381942108


email: info@progettofiumesarno-rotary.it


Sponsor del Progetto Fiume Sarno: